Come portare la gonna lunga

gonne lunghe

Le gonne lunghe quest’ anno vanno veramente di moda e sono uno dei must più amati dalle donne.

Non sempre però è facile abbinarle. Scopriamo un po’ meglio questo mondo.

Le gonne lunghe sono perfette su un fisico alto e slanciato ma si sa non siamo tutte modelle quindi iniziamo con il studiare un po’ tutti i vari modelli cosi da capire quale fa per noi.

Prima dobbiamo fare una grande distinzione tra gonna lunga aderente che ovviamente va un su un fisico asciutto e tra gonna lunga ampia che invece è perfetta anche per chi è più curvy.

Detto questo vediamo ora meglio in dettaglio.

  • Pizzi e balze. Ricami e tante decorazioni devono essere usate con giudizio quindi cercate di non esagerare per non appesantire troppo la gonna lunga.
  • Tinta unita. Perfetta per le donne che non sono particolarmente alte. Oltre a snellire e slanciare la figura vi farà sembrare anche un po’ più alte.
  • Stampe floreale e a fantasia. Perfette per chi ha una bella altezza. Meglio se abbinata ad una parte superiore sobria e in tinta unita.
  • Spacco. Molto sensuale. Molto belle anche quelle con due spacchi vertiginosi ai lati e una minigonna coprente sotto.

Ma quali sono i tessuti migliori da scegliere?

Il cotone e la viscosa tendono molto a fasciare ed a segnare le curve, mentre lo chiffon oltre ad assere molto leggero non segna troppo le curve.

Fatto queste premesse ora passiamo a come abbinare le gonne lunghe.

Essendo già molto lunga la gonna ovviamente la parte superiore dovrebbe essere corta o comunque non superare la lunghezza del girovita per non creare un effetto goffo e trasandato. La parte superiore poi più è semplice sobria è meglio è. Per quanto riguarda le scarpe bisogna dire che i tacchi sono consentiti solo di sera, per il giorno invece è un po’ consentito di tutto. Sneakers per un look sportivo, gli anfibi per un tocco rock ma comunque i migliori abbinamenti sono le zeppe per chi non può rinunciare ad un po’ di altezza e le ballerine o sandali basse per chi ama la comodità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*