I falsi miti dell’ abbronzatura

falsi miti

L’ abbronzatura è uno dei punti chiave dell’ estate. Chi non desidera avere una bella tintarella da poter sfoggiare sia in riva ala mare che in città? Anche se una volta chi era abbronzato veniva ritenuto un poveraccio perchè solo i contadini avevano la pelle abbronzata mentre i ricchi erano sempre bianchi e pallidi ora invece l’ abbronzatura è uno dei punti chiave per la bellezza.

Eppure sull’ abbronzatura se ne dicono tante, e molte di queste sono purtroppo bugie.

Noi siamo qui pronti a sfatare i falsi miti una volta per tutte.

  • Abbronzarsi prima dell’ estate protegge la pelle. Niente di più falso. Quando la pelle diventa più scura è solo perchè la pelle innesca dei meccanismi per difendersi dai raggi solari ma questo non fa si che non abbia nessun risentimento. La pelle va protetta lo stesso e quindi infine perchè stressare la pelle anche in inverno magari ocn abbronzature artificiali che fanno ancora peggio?
  • Protezione 50 non fa abbronzare. Altra bugia. Ogni pelle ha la protezione apposita. Se la vostra pelle è tanto delicata e necessita di una protezione alta è giusto metterla. La crema ad esempio a protezione 50 non fa abbronzare meno ma fa abbronzare più lentamente per permettere cosi alla pelle di adattarsi piano piano.
  • Resistente all’ acqua. Per quanto le creme ormai siano tutte resistenti all’ acqua non bisogna credere ce resistono a tutto. Quindi meglio ripetere l’ applicazione dopo ogni bagno.
  • Il sole fa bene all’ acne. Molte si saranno accorte che dopo un’ abbronzatura i brufoli si asciugano e si seccano ma care donne questo è solo l’ impatto iniziale. Poi ritornano e forse anche peggio di prima se la pelle non viene protetta in maniera corretta.
  • Il trucco protegge. Niente di più falso.
  • Il melanoma non può venire da giovani. Purtroppo i tumori alla pelle innescati dal sole possono venire fin dalla giovane età. Ovviamente non vogliamo allarmare ma solo informare per far capire come sia importante proteggere la pelle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*